Seleziona una pagina

Le faccette dentali sono dei gusci in ceramica che, applicati sulla superficie esterna del dente, cambiano l’estetica del sorriso eliminando i difetti legati ad esempio alla forma, al colore o anche alla posizione dei denti. Possiamo dire che le faccette siano delle protesi particolari: in pratica sono dei gusci sottili, realizzati in ceramica o in porcellana, che vengono cementati sulla superficie dei denti che presentano le imperfezioni. Le faccette vengono incollate sopra uno o più denti per migliorare l’aspetto del sorriso di una persona. Dietro a queste protesi però, ci sono anni di studi e ricerche effettuate in questo settore: grazie a questi restauri ogni paziente può avere una dentatura splendente, bianca e senza imperfezioni.

 

Quando si può ricorrere a questo tipo di trattamento?

Le faccette estetiche vengono utilizzate per coprire tutti le imperfezioni presenti sui nostri denti e ottenere così un sorriso smagliante. L’applicazione delle faccette è consigliata anche per correggere diverse alterazioni congenite, ad esempio colorazioni anomale dovute a particolari antibiotici utilizzati dalla mamma in gravidanza .

Le faccette

  • Sbiancano i denti: le macchie vengono coperte dalla ceramica;
  • Rendono i denti splendenti per un lungo periodo
  • Migliorano alcune funzionalità come ad esempio la masticazione (nel caso in cui sia presente un dente storto);
  • Permettono il ritorno alla forma originale di uno o più denti che nel corso degli anni si sono consumati a causa dell’età o dell’usura;
  • Donano allo smalto dei denti la lucidità che ha perso nel corso degli anni a causa di cibo, del fumo e di bevande (come ad esempio il caffè).
  • Oltre a questo le faccette migliorano il sorriso nei casi di :
  • Discromie, ovvero macchie permanenti che non possono essere eliminate con lo sbiancamento professionale;
  • Diastemi, cioè grandi spazi tra un dente e l’altro
  • Anomalie legate alla forma del dente o casi dove comunque è necessario cambiare completamente la forma di un dente
  • Difetti dello smalto, esempio amelogenesi imperfetta
  • Denti disallineati che possono essere corretti con le faccette, senza dover necessariamente ricorrere all’apparecchio ortodontico.

 

Tipologia di faccette estetiche

Come ogni cosa realizzata in ceramica o in porcellana, anche queste lamine sono altamente fragili e quindi bisogna prestare molta attenzione durante la fase di prova e di “installazione” sul dente. Sulla scelta del materiale, bisogna considerare le richieste di ogni singolo paziente ma, in linea generale, quelle che garantiscono una migliore resistenza e lucentezza sono le lamine realizzate in ceramica e porcellana (e sono anche le più utilizzate). Oggi possiamo anche trovare faccette costruite con altri materiali come ad esempio il composito, materiale utilizzato per le otturazioni, ma queste tendono a scheggiarsi e a macchiarsi molto più velocemente (hanno quindi una “durata” limitata) rispetto a quelle in ceramica e porcellana ma un costo più basso.